top of page

Group

Public·22 members

La Nazione Delle Piante


In nome della mia ormai pluridecennale consuetudine con le piante, ho immaginato che queste care compagne di viaggio, come genitori premurosi, dopo averci reso possibile vivere, vengano a soccorrerci osservando la nostra incapacità a garantirci la sopravvivenza. Come? Suggerendoci una vera e propria costituzione su cui costruire il nostro futuro di esseri rispettosi della Terra e degli altri esseri viventi. Sono otto gli articoli della costituzione della Nazione delle Piante, come otto sono i fondamentali pilastri su cui si regge la vita delle piante, e dunque la vita degli esseri viventi tutti.




La nazione delle piante


DOWNLOAD: https://www.google.com/url?q=https%3A%2F%2Fjinyurl.com%2F2udSqW&sa=D&sntz=1&usg=AOvVaw20cLw6Xw4KP3TaLOM0phWC



Ora che è arrivata finalmente la primavera, le gemme inverdiscono i rami degli alberi e i primi fiori fanno capolino tra i prati, esce anche La nazione delle piante, il nuovo libro di Stefano Mancuso, pubblicato da Laterza.


Come le piante navigano intorno al mondo, come portano la vita su isole sterili, come sono state in grado di crescere in luoghi inaccessibili e inospitali, come riescono a viaggiare attraverso il tempo, come convincono gli animali a farsi trasportare ovunque. Sono solo alcune delle incredibili cose raccontate nelle storie che troverete in questo libro. Storie di pionieri, fuggitivi, reduci, combattenti, eremiti, signori del tempo.


Le piante hanno straordinarie capacità di adattamento, possono vivere in ambienti estremi, si mimetizzano per sfuggire ai predatori, si muovono senza consumare energia, producono molecole chimiche con cui manipolare il comportamento degli animali (e degli umani).


Mancuso scrive di lasciar fare di nuovo alle piante! Hanno dimostrato in passato di essere in grado di ridurre drasticamente la quantità di CO2. Le piante possono aiutarci. È un libro che invita a imparare dalle piante a vivere in un modo più consapevole, più rispettoso, considerando daccapo la nostra posizione su questo pianeta.


Combattere ed evitare la deforestazione, coprire di piante tutte le superficie possibili e immaginabili. Mancuso ci invita a non distruggere le nostre risorse, evitando un modello di sviluppo che, per premiare pochissimi, distrugge la nostra casa comune.


In nome della mia ormai pluridecennale consuetudine con le piante, ho immaginato che queste care compagne di viaggio, come genitori premurosi, dopo averci reso possibile vivere, vengano a soccorrerci osservando la nostra incapacità a garantirci la sopravvivenza, suggerendoci una vera e propria costituzione su cui costruire il nostro futuro di esseri rispettosi della Terra e degli altri esseri viventi.


Si può capire che le piante sono una grande forma di intelligenza dal loro meraviglioso modo di comunicare e collaborare tra loro. E noi dovremo imparare tanto da loro e dal loro mondo privo di gerarchia e in oltre, spesso ce lo dimentichiamo ma sono loro che ci fanno vivere.


Si può capire che le piante sono una grande forma di intelligenza dal loro meraviglioso modo di comunicare e collaborare tra loro. E noi dovremo imparare tanto da loro e dal loro mondo privo di gerarchia e in oltre sono loro che ci fanno vivere.


Le piante sono intelligenti perché, pur non potendosi muovere (come facciamo noi e gli altri animali) hanno imparato a sviluppare una maggiore sensibilità per svolgere tutte quelle attività quotidiane necessarie alla loro sopravvivenza.


Dalla loro organizzazione, dal fatto che sanno cosa c'è intorno a loro e perché anche da ferme riescono a difendersi.Per esempio se c'è un coniglio che se le sta mangiando le piante si trasmettono questa informazione e producono sostanze che non piacciono al coniglio.


Sono diverse da noi, ma collaborano con noi. La mostra La Nazione delle Piante racconta come le piante sono diverse da noi esseri animali, come hanno sviluppato diverse strategie evolutive ma sono abili nel collaborare col Regno Animale.


#EarthDay #consiglidilettura #mustread #lanazionedellepiante #cambiamentoclimatico #ambiente #socialimpact #socialresponsability #StefanoMancuso #transition #sostenibilità #sustainability #environment


La Nazione delle Piante si presenterà al mondo con una mostra di arte e scienza per iniziare un percorso divulgativo del mondo vegetale mai esplorato prima e sarà suddivisa in cinque capitoli:


Nel corso dell'evoluzione, le piante hanno dovuto sviluppare soluzioni ai grandi problemi incontrati dagli organismi non mobili (parte del fitoplancton si mostra in grado di muoversi verticalmente e talvolta orizzontalmente)[2]. Pur non avendo né nervi né cervello, le piante hanno una vita sociale e quindi una certa sensibilità (i cui indizi si possono trovare in alcune cellule - gameti e batteri - in coralli o spugne e in organismi apparentemente molto primitivi come le trichoplax... che non hanno nulla che assomigli a un cervello, ma che presentano comportamenti che evocano una funzione neuronale), anche se questi attributi sono molto diversi da quelli osservati nel mondo animale. Mancuso e i suoi colleghi Gagliano e Robert mostrano così, nel 2012, che le piante hanno dei meccanorecettori che rendono ad esempio le loro radici sensibili al suono e alla sua direzione di propagazione[23]. Altri biologi, 4 anni prima, avevano affermato che gli alberi stressati dalla grave mancanza di acqua possono emettere suoni che forse sono più che semplici segni passivi di cavitazione[24].


Mancuso osserva che le piante avanzate hanno il sistema circolatorio costituito da pochi organi (in particolare organi riproduttivi), ma a differenza degli animali avanzati, hanno recettori diffusi in tutto il loro organismo (mentre gli animali hanno concentrato i loro sensi negli organi specifici come occhi, orecchie, pelle, lingua). I loro organi riproduttivi sono molteplici mentre sono unici negli animali avanzati. Secondo lui, ciò suggerisce che le piante "annusano", "ascoltano", comunicano (tra individui della stessa specie e talvolta con altre specie) e imparano (attraverso una certa forma di memoria[28], compresa la memoria immunologica del loro sistema immunitario[29]) con tutto il loro organismo (cosa che consente loro di resistere meglio agli insetti predatori ed erbivori. Spesso Mancuso presenta come esempio il fagiolo di Lima che quando attaccato dall'acaro erbivoro Tetranychus urticae emette nell'aria un complesso di molecole in grado di attirare il Phytoseiulus persimilis, un acaro carnivoro pronto a divorare le colonie del primo). Mancuso e i suoi colleghi hanno messo in evidenza il ruolo delle auxine che avrebbero una funzione di neurotrasmettitore, simile a quella presente negli animali.


L'intelligenza - nota Mancuso - è stata a lungo considerata "ciò che ci distingue dagli altri esseri viventi", ma se la risoluzione dei problemi è una buona definizione di intelligenza, allora dobbiamo riconoscere che le piante hanno sviluppato un'intelligenza che consente loro di svilupparsi e rispondere alla maggior parte dei problemi che incontrano nella loro vita.


Così le piante si sono adattate a quasi tutti gli ambienti terrestri e marini illuminati e, di fronte agli erbivori e agli insetti predatori, hanno sviluppato numerosi adattamenti. Non hanno un organo paragonabile a un cervello, ma sembrano avere l'equivalente di un "cervello diffuso"[2]. Alcune sono, ad esempio, in grado di emettere sostanze che attirano con precisione i predatori degli insetti che le attaccano e tutte hanno un ampio arsenale di risposte fisico-chimiche. Le risposte sono talvolta sofisticate (ad esempio, alcune piante rendono i loro predatori cannibali trasmettendo loro sostanze che modificano il loro comportamento).


Mancuso ne deduce che le soluzioni tecniche del futuro possono e dovrebbero essere più bio-ispirate dalle piante. Come specie, alcune piante hanno avuto un'esistenza molto più lunga di quella di qualsiasi specie animale chiamata "superiore" (ad esempio il Ginkgo biloba, presente sulla terra da 250 milioni di anni). Mancuso ricorda come Charles Darwin abbia dimostrato, dal punto di vista dell'evoluzione, che tutti gli organismi viventi sono attualmente al culmine della loro evoluzione. Le piante sono tra gli organismi senza i quali non ci sarebbe vita sulla terra. Dobbiamo quindi proteggere la loro esistenza e proteggere le foreste i cui alberi sono piante di lunga durata. Mancuso e i suoi colleghi ricordano che alla fine della sua vita, quando Darwin si interessò più specificamente alle piante, in un libro intitolato "Il potere del movimento delle piante" (pubblicato con suo figlio Francesco), considerò che:


..è sempre più riconosciuto che le piante sono organismi sensibili che percepiscono, valorizzano, imparano, ricordano, risolvono problemi, prendono decisioni e comunicano per acquisire attivamente informazioni sul loro ambiente...


"La verdure ci insegna, a piccole dosi come una cura omeopatica, a riallargare l'orizzonte." Serena Dandini dà voce a una sua intima, inossidabile passione e ci conduce nel meraviglioso mondo del giardinaggio, tra parchi incantati e vivai sconosciuti, promettenti boccioli e carichi di concime imbarcati sulle navi di cacciatori di piante d'altri tempi, alla ricerca della bellezza che potrà salvarci. Un libro curioso, prezioso e divertente, che spiega come essere felici, con le mani sporche di terra. 041b061a72


About

Welcome to the group! You can connect with other members, ge...
Group Page: Groups_SingleGroup
bottom of page